Martina Santarsiero nasce e vive a Bologna dove studia e coltiva la sua passione per la storia dell’arte e approfondisce le sue conoscenze in merito alle discipline olistiche e alle culture orientali; sensibile alle questioni di genere è impegnata in molte iniziative a favore dei diritti e dell’emancipazione della Donna.

L’autonomia e la sua spiccata personalità sono il binomio di un percorso spirituale ed intellettuale in cui l’artista si dedica con impegno e consapevolezza alla propria attività pittorica e alla ricerca attiva di un’identità creativa autonoma e libera.

Il suo anticonformismo iconografico dai tratti surrealisti e simbolisti ispirato al neopaganesimo, guida l’osservatore in  atmosfere adatte all’apparenza del segno e delle rivelazioni, mediante cromie delicate e forme armoniose ed equilibrate.

La sua Arte apre le porte ad un viaggio spirituale tra iconografie e simboli appartenenti a tradizioni diverse e lontane nello spazio e nel tempo, le quali confluiscono in un elemento comune: il sacro ed eterno femminino. Dagli antichi culti pagani riaffiorano le Madri, le Dee custodi delle radici profonde dell’Essere.

                                                                                                                                                              

                                    Irene Manente  

 

 artista e ricercatrice di storia delle donne



articolo su quiSalento di ottobre 2016