PUBBLICAZIONI 


 

 

Martina Santarsiero è presente  nel libro 

"ALLA RICERCA DELLA BELLEZZA Arte e ispirazione" scritto da Anna Rita DeLucca 

edito da Cordero 
insieme a tanti altri artisti che gravitano intorno a La Corte di Felsina di Bologna.

 

 

"In questo libro si tenta di considerare il tema della Bellezza partendo dalle origini del mondo per giungere ai nostri giorni, dando voce al punto di vista di chi questa Bellezza la rincorre, interpreta e riproduce, ossia gli artisti, quelli di oggi.

Si cerca così, di compenetrare le dinamiche creative che giungono alla Bellezza attraverso l’arte, tentando di capire cosa sia questa mitica ispirazione che sin dalla notte dei tempi, l’umanità cerca di afferrare e descrivere, senza mai riuscirci completamente."

Di seguito i link dove potete acquistare e recensire il libro 
Feltrinelli.it 
Mondadoristore.it 
Amazon.it
Libreriauniversitaria.it


MARTINA SANTARSIERO è PRESENTE NEL LIBRO

"DONNE NELL'ARTE L'ETERNO FEMMINILE TRA NATURA ED ARTIFICIO DA CAMILLE CLAUDEL AD OGGI"

A cura di Arpinè Sevagian​  Testi di Araxi Ipekjian, Sole Scalpellini​


Per ricevere una copia è richiesto il solo contributo per le spese 

di spedizione di € 15

INFO 

info@arsev.it

http://www.arsev.it/pubblicazioni.html 


Prossimamente in vendita su Amazon.it


Su ARTE MONDADORI num. ottobre 2015

tra le Proposte d'Arte 

presentazione libro

"DONNE NELL' ARTE L'eterno femminile tra natura e artificio da Camille Claudel a oggi"

ed Arsev 

è presente anche Martina Santarsiero


 

 

L'immagine del quadro "DRIADE" di Martina Santarsiero è stata 

pubblicata come copertina del libro

"FEMMINICIDIO dalla denuncia sociale al riconoscimento giuridico internazionale" di Barbara Spinelli 

edito da FrancoAngeli  

 

Il termine “femminicidio”, nato in occasione della strage delle donne di Ciudad Juarez, indica la violenza fisica, psicologica, economica, istituzionale, rivolta contro la donna «in quanto donna».

Il testo illustra le tesi elaborate in Centroamerica sulle cause del femminicidio ed espone i meccanismi di indagine e di denuncia, i risultati di ricerche locali, le politiche sviluppate, la richiesta di riconoscimento giuridico del femminicidio come specifico reato e crimine contro l’umanità.